Pakistan: dopo giorni di sofferenza è morta la giovane donna arsa viva

Pakistan: è morta Asima, la donna data alle fiamme perché voleva mantenere la sua fede cristiana

PakistanEnnesimo caso di non rispetto per le donne e per la religione in Pakistan: la povera ragazza era rimasta vittima di un crudele gesto fatto dal suo fidanzato che la voleva sposare, pretendendo che si convertisse all’islam.

Il suo decesso è avvenuto perché il suo corpo era ricoperto di ustioni quasi in maniera integrale, in quanto il suo carnefice le ha dato fuoco dopo averla cosparsa di benzina: il nome del suo assassino è Rizwan Juggare e dopo aver confessato il gesto crudele e folle è stato arrestato dalle autorità pakistane.

Adesso il ragazzo che si trova agli arresti rischia grosso in quanto a giudicarlo sarà il tribunale speciale antiterrorismo che qualche tempo fa aveva condannato a morte Imran Ali, che era un altro assassino resosi responsabile dello stupro e della morte di una bambina.

La povera Asima merita sicuramente giustizia, in quanto aveva tutto il diritto di essere libera di sposare chi voleva e di seguire la sua religione: in alcuni paesi del mondo purtroppo è ancora forte il potere dell’uomo che si sente autorizzato a commettere ogni sopruso sulla donna .

Potrebbero Interessarti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *