Sciopero tassisti 23 marzo: quali sono le richieste dei lavoratori

Sciopero tassisti 23 marzo: perché si ferma la categoria delle auto bianche e cosa si aspettano dal governo

Sciopero tassisti 23 marzoÈ uno sciopero importante, quello del prossimo giovedì 23 marzo 2017 che vedrà i guidatori delle auto bianche alzare le mani di fronte alle richieste dei consumatori, provocando, ovviamente, non pochi disagi ai viaggiatori: i tassisti si asterranno dal lavoro, continuando una protesta fortemente voluta a causa della totale assenza di risposte da parte del governo, per ben quattordici ore, a partire dalle 8 del mattino proseguendo fino alle 22.

Il motivo di questo sciopero di carattere nazionale – voluto dalle auto bianche nonostante la proposta di Uber relativa ad un possibile incontro e confronto – è determinato dal fatto che i guidatori delle auto bianche non hanno gradito l’assenza di risposte da parte del governo in merito alla presenza di applicazioni web che usurpano il posto di lavoro dei tassisti. Una sorta di umiliazione, è quella che sentono i tassisti, che, riuniti a Roma nelle ultime settimane, hanno chiesto l’eliminazione, nel decreto legge, della parte relativa alle applicazioni web, senza ricevere tuttavia nessuna risposta importante.

Per questo motivo, si è deciso di giocare duro e di fermarsi dal lavoro per quattordici ore: saranno rispettate solo le fasce di garanzia – secondo quanto ammesso anche dai vari sindacati e da diverse sigle – e solo gli spostamenti per disabili e anziani.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *