Categoria: Turismo

Agosto è alle porte, e sono sempre di più gli italiani che si preparano a prenotare una vacanza all’ultimo minuto. Milano Marittima è una delle mete più gettonate, per trascorrere una vacanza al mare rilassante.

Il mese di agosto è l’ideale per chi vuole andare al mare per trascorrere una vacanza rilassante in spiaggia, godersi i caldi raggi del sole e perché no, divertirsi in uno dei migliori locali notturno della città.

Milano Marittima, una località che molti italiani conoscono bene per la bellezza delle sue spiagge, i tanti divertimenti che può offrire e le proposte gastronomiche di primo piano.

Cosa vedere a Milano Marittima?

Durante il proprio soggiorno a Milano Marittima sono molte le cose che si possono vedere, ma tra le più visitate dai turisti si può trovare il Parco della Salina di Cervia, la Pineta di Pinarella e la Casa delle farfalle.

Il Parco della Salina di Cervia e la casa delle farfalle sono due attrazioni particolarmente scelte da chi è in vacanza con la famiglia. I bambini, possono apprendere una serie di informazioni sul processo di estrazione del sale dall’acqua e di come le farfalle vivono e si riproducono. Queste ultime, lasciate libere di volare all’interno della struttura che le ospita, si posano sui fiori e sulle persone che si trovano al suo interno. Vedere gli occhi dei bambini riempirsi di stupore, quando una farfalla si posa su di loro, è una di quelle emozioni che ogni genitore vorrebbe provare.

Le spiagge di Milano Marittima

Il mare e le spiagge di Milano Marittima sono una delle attrazioni che ha portato a creare il successo di questa località turistica. Per chi è alla ricerca di uno stabilimento balneare per trascorrere una vacanza, il bagno peperittima Milano Marittima è una delle scelte migliori che si possono fare.

Lettini spaziosi, servizi extra come connessione Wi-Fi gratuita, servizio ristorante e intrattenimento per i bambini sono a disposizione di tutte le persone. Le attività di animazione per i bambini, permettono agli adulti di riposarsi sapendo che i propri bambini sono al sicuro e possono divertirsi con tanti nuovi amichetti. Durante tutta la giornata, è impossibile annoiarsi al Peperittima Beach Club.

Gli eventi dell’estate a Milano Marittima

Durante l’estate a Milano Marittima si può assistere a una serie di eventi e manifestazioni.

Spiaggia e castelli di sabbia sono un classico delle vacanze estive. Per chi ama questo tipo di divertimento, sul litorale libero di Cervia è possibile ammirare le opere del World Master di Sculture di sabbia. Gli artisti che utilizzano sabbia e acqua per le loro opere, sono felici di spiegare a curiosi e appassionati come creare il proprio castello e iniziare a diventare un vero e proprio maestro di questa arte.

Per chi vuole visitare le saline, da maggio a settembre sono organizzate una serie di visite che permettono di comprendere meglio la storia di queste saline e la loro importanza nello sviluppo della città.

Per tutto il mese di agosto, è possibile assistere alle ore 6:00 del mattino alle albe musicali in riva al mare. Ogni settimana, il concerto è ospitato da un differente stabilimento balneare per permette a tutti di provare questa esperienza così particolare. Il risveglio del giorno, accompagnato da musica acustica è l’ideale anche per chi ama fare yoga.

Milano Marittima è una delle località più richieste per le vacanze in Emilia Romagna. Ogni anno, milioni di italiani e turisti provenienti da ogni parte dell’Europa soggiornano in questa località per divertirsi, immergersi nel suo limpido mare e trascorrere qualche giorno di spensierata vacanza.

Read Full Article

Il motoraduno non s’ha da fare. Sono nove le associazioni contrarie ad un tour enogastronomico su due ruote che, il 21 luglio, dovrebbe partire dalla frazione Cicogna passando per la frazione Ungiasca e concludersi nel centro di Cossogno, nel VCO. Un motoraduno organizzato dall’amministrazione comunale e pensato come un evento turistico per coniugare le bellezze paesaggistiche e le prelibatezze gastronomiche ma che alle associazioni non piace poichè porterebbe le moto nel cuore del parco nazionale della Val Grande.

Nove associazioni ambientaliste contro il motoraduno nel VCO

E così Comitato salvaguardia e valorizzazione torrente San Bernardino, Comitato Terre di San Giovanni, Commissione ambiente Arci, Escursionisti Val Grande, Italia Nostra Vco, Legambiente Vco, Lipu, Pro natura Piemonte, Salviamo il Paesaggio Valdossola hanno firmato un appello affinchè il percorso venga rivisto ed il raduno di moto non parta da Cicogna.

L’appello degli ambientalisti

Secondo gli ambientalisti infatti è inappropriato poichè è stato organizzato su una “strada stretta e tortuosa, su per ripidi tornanti, costeggiando la riserva integrale, in una natura unica e selvaggia dove ancora nidifica l’aquila e, facilmente, si possono incontrare gli animali selvatici che qui vivono”.

La richiesta

La richiesta di convertire il motoraduno in cicloturistica non ha avuto epilogo positivo, pertanto le associazioni hanno rincarato la dose firmando congiuntamente un documento e sottolineando che “c’è una mancanza totale di lungimiranza e sensibilità verso il luogo naturale che ci ospita e ci dà vita e risorse. In un momento della storia umana e del pianeta, dove l’inquinamento, a tutti i livelli – proseguono i firmatari – è diventato una realtà scottante ed evidente per tutti e che richiede un cambiamento ora, ecco, nonostante tutto questo ancora si fa finta di nulla”.

“Rispettare l’habitat naturale”

“Quale è il beneficio di centinaia di moto rombanti dentro un parco nazionale? Che cosa porta e porterà? Sia in Italia che all’estero, la rivalutazione e il rispetto dell’habitat naturale ha richiamato più benessere per tutti. Il turismo si è fatto maggiore proprio per queste caratteristiche, la qualità di vita di chi ci abita che è strettamente collegata all’ambiente, è sana”.

Read Full Article

Loano è una località sita tra Genova e la Francia, meta ambita grazie al suo clima mite e alle bellezze artisticamente paesaggistiche di cui gode. La caratteristica di questa località è il fatto che si addice sia alle vacanze estive che a quelle inverna

Tutto il paese si concentra intorno al borgo medievale, senza dimenticare le caratteristiche abitazioni poste lungo la costa, organizzate in una palizzata sul mare.

Le escursioni a Loano

Vacanze a Loano sono sinonimo di escursioni. E non esiste modo migliore per esplorare se non al Santuario Internazionale del Mar Ligure, posto ove è possibile avvistare molte specie di cetacei. Dopo aver optato per un pernottamento Ai Pozzi Village, ci potremo concedere le lunghe passeggiate in riva al mare, godendo per l’appunto del Lungomare Sauro, che porta sino al centro ludico informativo del paese. Ivi si organizzato uscite e gite per alto mare, per andare a perlustrare l’habitat marino, alla scoperta di una fauna che non farà altro che lasciarci a bocca aperta.

Se decidiamo di andare in vacanza a Loano, dovremo sicuramente cimentarci in un tour delle Fontane D’Arte: site lungo le rive, si tratta di opere di artisti contemporanei, che lasciano incantati coloro che vanno a passeggio per il lungomare

E rimanendo in tema di tour, c’è anche da fare quello dei monumenti, considerando che trattasi della città dei Doria, l’antica famiglia che ha scritto la storia della Repubblica di Genova. Molte sono a Loano le Chiese, ornate di oratori e accompagnate da castelli da visitare. Il centro storico, caratteristico e curato nei minimi particolari, è ideale non solo per le vacanze ma anche per vivere tutti i giorni e a ad ogni ora.

Le vacanze in spiaggia

Loano viene considerato uno dei paesi più importanti tra le varie località balneari, dal momento che è dotata di non poche strutture turistiche ospitali e cortesi, ideali per una vacanza tranquilla e rilassante. Non a caso durante l’estate, in riva al mare c’è il massimo del confort e un’atmosfera tipo quella di casa nostra. Le spiagge sono tranquille, ma propongono allo stesso tempo un divertimento sano che non stressa o dia disturbo.

Sul mare poi non c’è nulla da dire in quanto è super controllato dai bagnini, sempre pulito , sicuro e ideale anche per i nostri figli.

Natura e turismo che si incontrano in un paese incantevole come Loano

Come ogni paese marittimo tipico ligure, la piana costiera prosegue all’interno collegandosi ad un paesaggio a terrazza collinare. La qual cosa vuol dire avere mare e prati distesi in un’unica località, per godere di paesaggi mozzafiato, aria fresca, brezza marina e colori verdeggianti. La parte tipicamente marittima si collega a valle grazie al sentiero che porta al “Bric dei Cinque Alberi”, castelliere ligure pre-romano.

Volendo ad esempio è possibile seguire un sentiero dalla zona storica di Loano, che porta sino all’antica chiesa di San Martino, sita su un poggio alto 180 m., ove è possibile guardare una valle sottostante davvero meravigliosa. Proseguendo il proprio cammino, per viottoli immersi in una fitta vegetazione, si può raggiungere il rifugio CAI a Pian delle Bosse (841mt), da cui si gode di un panorama a 180 gradi sul mare.

Read Full Article

E’ un’area bellissima e rigogliosa nota come Ticino Val Grande Verbano, proclamata ufficialmente nuova biosfera Unesco. Ci troviamo nel Verbano-Cusio-Ossola, in quella che è considerata un ampliamento della riserva Valle del Ticino e che va ad interessare circa 300mila ettari di territorio.

Unesco premia l’area del Ticino Val Grande Verbano

Sono 217 i comuni, compresi tra Piemonte e Lombardia, compresi in questo territorio. Il riconoscimento ottenuto è di grande valenza ed interessa anche la Valle Camonica-Alto Sebino, circa 130mila ettari, a Monte Peglia, 40mila ettari, ubicati rispettivamente in Lombardia ed in Umbria.

Eccellenza territoriale del Piemonte

Per il Piemonte la proclamazione del Ticino Val Grande Verbano a nuova biosfera Unesco rappresenta motivo di orgoglio, una grande soddisfazione vedere premiata un’eccellenza territoriale. Impresa non facile perchè per rientrare in tale categoria occorre rispettare una serie di rigorosi parametri. Con una finalità: coniugare biodiversità dell’ecosistema, conservazione dello stesso, utilizzo sostenibile di risorse naturali ma, al contempo, anche valorizzazione turistica di meravigliosi luoghi da sogno, pur sempre nell’ottica di turismo sostenibile. Questa zona del Piemonte ci è riuscita portando avanti e sviluppando attività di ricerca, educazione e controllo del territorio.

Read Full Article

Un tour ideale del Canada ha inizio con la visita alle Cascate del Niagara, raggiungibili in auto in circa un’ora e mezza partendo dalla vicina città di Toronto.

Nonostante non eccellino in altezza, le Niagara Falls sono famose a livello mondiale per la loro immensa portata d’acqua. In assoluto, non esistono altre cascate paragonabili. Nei territori della Nuova Scozia, sulla costa atlantica nord orientale, si trova la Baia di Fundy.

Si tratta di uno dei posti da visitare più affascinanti del Canada, grazie al fenomeno delle maree. Infatti, la Baia di Fundy è il luogo con le maree più alte del mondo e la loro alternanza regala delle suggestioni uniche ai turisti che arrivano qui per la prima volta. L’altezza delle maree può raggiungere fino ai 20 metri, con la conseguenza diretta che gli scenari regalati dalla baia sono differenti giorno dopo giorno.

Spostandosi sul versante occidentale del Canada, si entra nello sconfinato territorio delle Montagne rocciose canadesi, dominato dai Parchi nazionali di Jasper e Banff, che sono poi quelli più famosi. Arrivando da nord, il primo parco che si incontra è il Jasper National Park, il più grande nell’area delle Rockies con una superficie superiore ai 10 mila km quadrati. Tra le principali attrattive di Jasper si annoverano il Maligne Lake, Spirit Island e l’Athabasca Glacier.

I parchi Jasper e Banff sono collegati dalla strada panoramica Icefields Parkway, immersa tra laghi, ghiacciai e montagne innevate durante tutto l’anno. Al suo interno, il Banff National Park racchiude due luoghi simboli del Canada. Il Lake Louise, distante poco meno di 50 km dall’abitato di Banff e il Moraine Lake. Se si ha la fortuna di visitare i due laghi durante una giornata di sole, si possono scattare delle autentiche cartoline da viaggio.

Dalla forza impetuosa delle Cascate del Niagara agli affascinanti parchi nazionali delle Montagne Rocciose, con i loro laghi e ghiacciai.

A cosa serve e come fare l’eTA

Se si vuole visitare il Canada per un periodo inferiore ai 6 mesi, è necessario richiedere l’eTA, il sistema elettronico di autorizzazione di viaggio per il Canada. La procedura per ottenerlo è relativamente semplice.

Per prima cosa, occorre sapere che il modulo ufficiale dell’eTA è disponibile in sole due lingue, l’inglese e il francese. Se non si ha dimestichezza con la lingua inglese scritta, sarebbe opportuno farsi aiutare da una terza persona che ha una migliore conoscenza della lingua. Oppure potete compilare il modulo di richiesta dell’eTA in italiano sul sito di https://eta-canada.it/richiesta-visto-eta/.

Come secondo passaggio da compiere, è necessario munirsi del proprio passaporto, di un indirizzo email e di una carta di pagamento (carta di credito o carta di debito). Il passaporto è necessario per completare le informazioni richieste nel modulo dell’eTA, tra cui appunto il numero del passaporto. L’indirizzo email serve invece per ricevere via telematica la conferma di autorizzazione.

Di solito l’ok da parte delle autorità canadesi arriva dopo pochi minuti dal completamento del modulo. Infine, la carta di credito o una comune carta di debito serve per effettuare il pagamento dell’eTA.

Se non si vuole incorrere in sgradevoli problemi al momento della partenza dall’Italia in aeroporto, è buona norma prestare la massima attenzione durante la compilazione del modulo. Anche un solo piccolo errore, infatti, potrebbe comportare l’invalidità dell’eTA e, di conseguenza, l’impossibilità a raggiungere il Canada.

Nell’eventualità di uno o più errori nel modulo dell’eTA, ci può accorgersene soltanto quando si è all’aeroporto, al momento dell’imbarco. Inoltre, può risultare complicato ricevere un nuovo eTA in pochi minuti. Questo comporterebbe l’addio alla vacanza in Canada.

Read Full Article

Pasquetta a Ischia: consigli e suggerimenti su come trascorrere la giornata di oggi all’insegna del relax e del divertimento

Pasquetta a IschiaRicorre oggi il tradizionale riferimento al lunedì dell’Angelo: dal punto di vista religioso, esso è il giorno in cui è avvenuta l’annunciazione, o meglio ancora, la scoperta da parte delle tre donne (ovvero Maria di Magdala, Maria Madre di Giacomo e Giuseppe e Salomè) al sepolcro di Gesù, che quest’ultimo era ormai vuoto, da qui, l’annunciazione da parte dell’Angelo, che ha così evidenziato il fatto che Gesù fosse risorto e che ha chiesto alle tre donne di comunicare l’evento straordinario anche agli Apostoli.

Tradizionalmente, si celebra in tutto il mondo religioso questa giornata come una giornata felice, in cui è possibile fare riferimento anche a momenti di divertimento e relax: ed è anche ciò che avviene ad Ischia dove, dopo la giornata di ieri, domenica di Pasqua, in cui si è verificata la tradizionale Corsa dell’Angelo, è possibile rilassarsi e divertirsi con vere e proprie scampagnate e momenti di gioia e di serenità.

Tra le cose che si possono fare ad Ischia a Pasquetta, ricordiamo una serie di eventi abbastanza interessanti, che sono, ad esempio, i percorsi di trekking per gli amanti dell’avventura, ma anche passeggiate meno impegnative, come ad esempio ai Pizzi Bianchi o presso i Giardini La Mortella.

Ma le persone che decidono di andare a Ischia, anche in questi giorni di festa, pensano certamente al relax.  Ecco allora che andiamo a consigliare le terme presenti sull’isola, un vero must per chi cerca un po’ di riposo.

Se cercate qualcosa di classico, allora visitate le Terme Poseidon, un vero e proprio giardino termale con le vasche affacciate sul mare. Anche i Giardini Afrodite, Eden e Tropical, le Terme di Castiglione, Bagnitiello, Negombo e Cavascura valgono però una giornata di relax.

Non perdetevi in particolare quelle di Cavascura, risalenti addirittura all’epoca romana e situate in un canyon di tufo con una doccia di acqua termale che scende direttamente dalla montagna e con una grotta dove fare la sauna naturale.

Ancora relax nella baia di Sorgeto, una piccola cala dove sgorga acqua termale e dove potete trovare delle piccole piscine naturali che trattengono l’acqua termale e permettono di sdraiarsi comodamente nell’acqua calda del mare da aprile ad ottobre.

In questi giorni però i prezzi sono sicuramente quelli di alta stagione, anche se è ancora agli inizi, e per riuscire a rilassarvi non dovete pensare a spendere una cifra esorbitante. Sul sito Optatravel.com c’è una pagina dedicata ai codici sconto, e chissà che visitandola non troviate quello che può essere una soluzione.

Read Full Article

Italia meta turistica importante: l’unico punto debole è l’indolenza del governo

Italia meta turistica importanteÈ l’Italia la vera meta dei sogni: con la sua storia, le sue località ricche di arte, tradizioni e culture, ma anche la sua possibilità di donare momenti di relax e di avventura, di condivisione e di divertimento, il Bel Paese lo è anche per i turisti, non solo per gli italiani. Ed è così che, per quanto possa risultare in questo momento una sorpresa, l’Italia è ancora oggi una delle mete turistiche più belle ed apprezzate di tutti i tempi, anche da parte del turismo mondiale: è quanto emerge dalle ultime notizie riferite dai recenti studi del World Economic Forum, ‘Travel & Tourism Competitiveness Report.

Secondo gli studiosi, quindi, il Bel Paese è una di quelle mete che oseremmo definire “da sogno”: ai primi posti della classifica stilata dai ricercatori vi sono Spagna, Francia e Germania, mentre l’Italia raggiunge l’ottavo posto. Non la migliore, quindi, ma tra le migliori. Nel rapporto emerge che l’Italia è tra le nazioni preferite per alcuni fattori nello specifico, ovvero per via della presenza di un grande ed eccezionale patrimonio culturale, ma anche per la presenza di fantastiche risorse naturali e per la grandezza di monumenti ed infrastrutture storiche e molto importanti.

L’unico neo? L’indolenza del governo, una scarsa strategia nella valorizzazione del turismo e dei punti di forza del Bel paese: questa la debolezza, secondo gli esperti.

 

Read Full Article

Il Giappone: la meta da sogno agognata da tantissimi turisti amanti dell’oriente e di tutto quello che ha a che fare con il Sol Levante, che si tratti di cucina, religione o cultura pop.

Sono poi in molti quelli che aspettano proprio questo periodo e i primi giorni della primavera per partire, desiderosi di approfittare del periodo migliore per godersi il Giappone, nel pieno del cosiddetto “hanami”.

Aprile e maggio sono infatti i mesi ideali per un viaggio nelle terre del “mikado”, viaggio che magari comprenda il classico binomio Tokyo-Kyoto e che permetta di godere al massimo del risveglio della natura. L’hanami è infatti il periodo della fioritura dei ciliegi, i famosi sakura giapponesi che in primavera riempiono di colori pastello le foreste, i parchi e templi giapponesi.

Si tratta ovviamente della stagione più costosa e, come sempre quando si tratta di Giappone, il viaggio va organizzato nei minimi particolari e con larghissimo anticipo, ma le soddisfazioni che riceverete saranno sicuramente proporzionali alle spese e ai “fastidi” di una preparazione così stressante.

hanami primaverileSì, perché se quest’ultima sarà particolarmente pesante (anche per le vostre tasche), la vacanza in sé si rivelerà davvero essere un sogno ad occhi aperti.

Volete passare qualche settimana primaverile in Giappone? Allora non potete fare a meno del già citato binomio Tokyo-Kyoto.

La capitale è perfetta per fondere a meraviglia l’antico con il moderno, le bellezze della grande metropoli e lo splendore dei templi shintoisti e dei numerosi parchi cittadini, quello di Inokashira in primis. Kyoto sarà invece la parte più “spiritual” del vostro viaggio: l’antica capitale imperiale vi proietterà nel passato e vi accoglierà con il suo spettacolare hanami, che a lì raggiunge i livelli più alti.

Nel mezzo poi non dovrete assolutamente perdervi il Parco di Nara, con la sua riserva naturale e i suoi docili cervi, e tante altre città belle ed ospitali. Se poi avete maggiore disponibilità di tempo e denaro, allora non potete fare a meno di “allungarvi” fino all’estremo nord del Giappone, sull’isola di Hokkaido, dove la natura è ancora selvaggia e dove i sakura in fiore danno il meglio di loro all’interno delle grandi foreste del popolo Ainu.

Siete forse in ritardo per un viaggio del genere, almeno per quest’anno? Non buttatevi giù, potreste sempre trovare qualche particolare offerta da qui alla fine di maggio.

Read Full Article