Categoria: Salute

Letti sporchi: il letto degli esseri umani è decisamente più sporco e carico di batteri orali, fecali e cutanei, rispetto a quello di uno scimpanzé

Letti sporchiLa scoperta che è stata fatta negli ultimi giorni sembra avere dell’incredibile: secondo gli studi che sono stati portati avanti, proprio di recente, dalla North Carolina State University, ben il 35% dei batteri che si trovano nei letti proviene proprio dal nostro corpo, e quel che è peggio è che tutto ciò che fa parte del corredo del letto di un essere umano sembra essere addirittura più sporco di quello di un letto dello scimpanzé.

Microbi e batteri, che sono in presenza maggiore nei nostri letti: dovremmo forse lavarci di più e meglio? Quel che è emerso dalla ricerca è che ben il 35% dei batteri che si trovano nei nostri letti sono determinati specialmente da batteri della bocca, delle feci e della pelle. Quanto è stato evidenziato dalla ricercatrice dell’università americana, Megan Thoemmes, che ha effettuato il suo studio comparando i letti degli esseri umani con i nidi degli scimpanzé in Tanzania, è che questi ultimi sono sicuramente più puliti, anche se presentato una diversità di microbi più vasta e diversificata perché proveniente dagli ambienti arboricoli.

Read Full Article

Retinoblastoma cos’è: ecco quali sono le considerazioni sul tumore all’occhio, di due tipologie

retinoblastoma cos'èIl retinoblastoma è stata una patologia molto discussa, nelle ultime settimane. Si tratta di un tumore vero e proprio che colpisce l’occhio, e che in alcuni casi può colpire entrambi gli occhi mentre in altri casi può interessare solo uno dei due. È un tumore difficile da capire e da diagnosticare, perché non comporta in particolare alcun sintomo evidente, se non – semplicemente – un riflesso bianco dell’occhio malato, chiamato leucocoria.

Il caso della piccola Presley – che è stato raccontato ai media inglesi dalla mamma, proprio qualche giorno fa – ha evidenziato quindi un più naturale interesse nei riguardi di questa patologia. Ma, chiarito che essa non presenza determinati sintomi specifici, vediamo in effetti cos’è il retinoblastoma e come colpisce.

Vi sono due tipi di questa patologia: il primo si chiama retinoblastoma ereditario ed è dovuto appunto ad una mutazione del gene oncosoppressore RB1 13q14, motivo per cui chi ne è colpito presenta una importante predisposizione genetica a sviluppare questa patologia, che in genere interessa entrambi gli occhi. Il secondo tipo si dice sporadico, interessa un 60% dei casi, non è genetico, colpisce un solo occhio e il suo decorso è sostanzialmente più lento.

Read Full Article

Sintomi retinoblastoma: solo un riflesso bianco sull’occhio, chiamato leucocoria. Nessun altro sintomo: un disturbo difficile da comprendere

Sintomi retinoblastomaLa storia che è stata raccontata negli ultimi giorni ai media inglesi dalla mamma della piccola Presley, affetta da retinoblastoma, un tumore dell’occhio, ha sicuramente sollevato qualche preoccupazione. È possibile che un cancro all’occhio non porti alcun sintomo, e che per questo motivo sia quindi molto difficile riconoscere la presenza di questa patologia?

La bimba protagonista della storia è stata molto fortunata, perché ad accorgersi che qualcosa non andava è stata proprio la fotografa Alessia, che aveva scattato una foto alla bambina ed aveva evidenziato che la presenza di un occhio bianco sull’immagine poteva voler dire qualcosa di serio. Ed in effetti, qualcosa di serio c’era davvero perché i genitori della bambina, allarmati, avevano deciso di recarsi in ospedale ed avevano scoperto che la loro piccolina, all’epoca neonata, era affetta da un retinoblastoma.

Ma se non fosse stato per l’attenzione della fotografa, probabilmente sarebbe stato difficile scoprire la presenza del tumore. Il retinoblastoma è una forma di tumore che può riguardare un solo occhio oppure entrambi: nel caso della piccola, questo cancro aveva interessato solo un occhio, e non aveva mostrato alcun sintomo, se non – semplicemente – un riflesso bianco sulla pupilla, chiamato leucocoria, che è stato evidenziato e scoperto proprio grazie alla foto.

Read Full Article

Foto salvezza: i genitori della piccola Presley erano poi tornati a Tenerife per ringraziare la fotografa

Foto salvezzaNon mostrava alcun sintomo, il cancro all’occhio della piccola Presley che, qualche anno fa, grazie all’attenzione della fotografa che le aveva scattato una foto quando la bimba era in vacanza con i suoi genitori, aveva notato la presenza di una stranezza all’interno dell’occhio della neonata. Infatti, dei due occhi della bimba, solo uno era rosso – come spesso accade nelle foto – mentre l’altro era di uno stranissimo colore bianco: la mamma della bambina aveva chiesto alla fotografa di cancellare quell’occhio bianco, e di modificare, nei limiti del possibile quella foto.

Ma Alessia, la fotografa, aveva risposto non solo che non era possibile farlo, ma anche che sarebbe stato meglio andare in ospedale per far controllare la bambina. Perché quell’occhio bianco poteva nascondere qualcosa di più serio. E così, rientrati in Gran Bretagna dalla vacanza, i genitori avevano scoperto che la loro bambina era affetta da retinoblastoma ed avevano così potuto immediatamente curare la piccola.

La storia è stata raccontata ai media inglese da qualche giorno, e i genitori della bambina sono ritornati a Tenerife, dopo qualche anno, per ringraziare la fotografa. Se non fosse stato per lei, infatti, i genitori non non si saremmo mai accorti di niente per anni perché il problema di salute non evidenziava alcun sintomo.

Read Full Article

Cancro scoperto con una foto: una immagine evidenzia la presenza di un occhio bianco della bimba, e scatta l’allarme. La piccola era affetta da retinoblastoma

Cancro scoperto con una fotoA volte, una semplice foto può salvare la vita. Sembra impossibile da capire, eppure è la realtà, ed è proprio quanto è accaduto ai genitori di una bimba di pochi mesi, che, allarmati dalla stranezza di una semplice immagine che avevano scattato – come è spesso normale che avvenga – alla loro bambina, hanno potuto salvarle la vita.

La piccola è stata salvata, quindi, proprio da una foto. E per la precisione, dall’attenzione della fotografa che aveva scattato l’immagine della bimba in vacanza con la sua famiglia e che, vedendo la presenza di un occhio “bianco”, aveva allarmato i genitori dicendo che l’occhio non viene mai bianco in foto, ma solamente rosso. Ora, per fortuna, la bimba sta bene ed è serena, ma la sua storia è stata raccontata da qualche giorno ai medica britannici dalla sua mamma, la 33enne Sophie Finday: la piccola Presley è stata salvata dall’attenzione della fotografa che, nel vedere l’occhio bianco in foto della bambina, disse ai genitori che bisognava controllare l’occhio della bambina perché c’era qualcosa di serio. E così, tornati in Gran Bretagna, i genitori avevano fatto controllare la bambina in ospedale e si era scoperto che la piccola soffriva di retinoblastoma.

Read Full Article

Gesto mattutino per essere felice: secondo gli esperti, è importante svegliarsi con serenità e ringraziare per ciò che si ha

Gesto mattutino per essere feliceChe tu sia credente oppure no, sicuramente ringraziare per ciò che ti è concesso ogni giorno, dalla natura, da Dio, oppure una qualunque altra entità, è molto importante e fa sicuramente stare meglio. Lo fanno gli appassionati di yoga e meditazione con il loro consueto saluto al sole, e lo fanno anche i cristiani, che ogni mattina dedicano un ringraziamento a Dio con una preghiera ed il consueto segno della croce; perché non lo si può fare a prescindere dalla religione o dal credo che si ha?

Secondo gli esperti, alzarsi al mattino e ringraziare per ciò che si ha è molto importante perché mette chiaramente nelle condizioni di rilassarsi e di essere anche in pace con noi stessi. È infatti vero che, al giorno d’oggi, siamo sempre più orientati a dare troppe cose per scontate e ci concentriamo sempre sul bicchiere mezzo vuoto e mai su quello mezzo pieno. Guardare alle cose positive che si hanno, pensare a tutto ciò che di bello si ha – amici, parenti, famiglia, e chiaramente il proprio partner – sia dal punto di vista affettivo che lavorativo, significa sentirsi in pace con sé stessi.

Read Full Article

Olfatto e libido: se il senso è acuto, il desiderio sessuale si fa più intenso e si prova sensibilmente più piacere

Se l’olfatto è acuto, il piacere sessuale si fa di norma più intenso e non vi sono rischi legati al possibile calo della libido: è quanto emerge da una recente ricerca, secondo la quale per fare in modo che una coppia abbia un piacere sessuale ottimale, è molto importante che non venga trascurato uno dei cinque sensi, che è proprio la capacità di percepire l’odore del partner.

Olfatto e libidoRassicurante, ma anche sensuale: percepire l’odore del partner – e chiaramente ci stiamo riferendo all’odore della pelle, e non ad un odore falsato dal profumo o da altri detergenti di cui si fa abitualmente uso per lavarsi – contribuisce a rendere la vita sessuale più intensa e sicuramente più vogliosa.

E quindi, un calo della libido potrebbe essere adeguatamente collegato anche alla assenza del senso dell’olfatto: nella ricerca condotta in Germania, presso l’Università di Dresda, è emerso infatti che coloro che hanno un calo della sensibilità olfattiva possono percepire anche un calo della ricerca sessuale del partner. Cosa ancor più interessante, il fatto che l’olfatto non aumenta solo il desiderio, ma rende anche più piacevole il rapporto.

Read Full Article

Cibi a rischio soffocamento: ecco quali sono gli alimenti che possono provocare il soffocamento nei bambini

Cibi a rischio soffocamentoDa quando è emersa la notizia relativa alla morte della bambina di soli 3 anni di Vimercate (Monza) che è stata soffocata per aver mangiato un acino d’uva – per lei non è stato possibile in alcun modo procedere alla rianimazione, perché la piccola non ce l’ha fatta in ospedale – sono ritornati in auge i consigli del Ministero della Salute, che di recente ha comunicato la sua Top Ten relativa agli oggetti pericolosi per i più piccoli perché possono provocare la morte.

Ma quali sono questi oggetti? Gli oggetti pericolosi per i bambini sono tanti, a partire dai giocattoli piccoli smontabili, fino a bottoni, batterie al litio, magneti, monetine, caramelle e noccioline, palline, ciondolini, per non parlare dei detersivi e di tutti i detergenti che possono essere ingeriti in maniera inconsapevole dai più piccoli.

Poiché gli oggetti che possono essere pericolosi sono davvero tanti, è bene quindi ricordare le caratteristiche, comuni a tutti: in genere, ciò che è estremamente pericoloso sono alimenti di piccola entità, prevalentemente di forma cilindrica come arachidi, pistacchi, ciliegie, mozzarelline, uva, hot dog, civi appiccicosi, che si sfilacciano, come ad esempio il grasso del prosciutto, il finocchio, le carote ed il prosciutto crudo.

Read Full Article