Categoria: Attualità

Non sono state ore facili quelle trascorse da una donna, da sola e all’addiaccio sulle montagne del Verbano-Cusio-Ossola. E’ accaduto nella notte tra il 2 ed il 3 gennaio quando la 40enne, uscita per fare un’escursione nei boschi, si è improvvisamente smarrita sulla montagna che si trova alle spalle dell’abitato del comune di Arola, nel Cusio.

Donna scomparsa nelle montagne del Cusio

Impossibilitata a ritrovare la strada per fare rientro a casa, la donna non ha potuto fare altro che passare la notte completamente sola sulla montagna, il tutto con le rigide temperature di queste fredde giornate invernali. Non avendo dato sue notizie, le ricerche erano già scattate in serata, dopo che nel suo comune di residenza, Cesara, era stato lanciato l’allarme.

Le ricerche della donna

Uomini del soccorso alpino hanno battuto palmo a palmo i boschi insieme alle squadre dei vigili del fuoco ma ci è voluta l’intera notte prima di riuscire ad individuare la 40enne, trovata fortunatamente ancora in vita. Immediatamente soccorsa, è stata portata in ospedale per tutte le cure del caso. Anche gli uomini della guardia di finanza hanno preso parte alle operazioni di soccorso, che hanno avuto epilogo positivo.

Read Full Article

Le fiamme sono divampate poco dopo Capodanno, intorno alle 2 di notte e hanno interessato due case. Sono gravi le conseguenze del rogo scoppiato ad Armeno, comune della provincia di Novara al confine con il Verbano-Cusio-Ossola, che sorge sulle alture al di sopra del lago d’Orta e nel quale vivono poco più di 2200 persone.

Rogo in due case ad Armeno, gravi danni

L’incendio ha interessato due villette di un complesso residenziale: sul posto è intervenuta una squadra dei vigili del fuoco di Arona, insieme ad una seconda squadra proveniente invece dal distaccamento volontario di Romagnano Sesia; nell’arco di pochi minuti l’incendio si è esteso agli interi edifici, interessando i due piani delle villette, che si trovano all’interno di due cortili privati, ed anche i rispettivi tetti.

Vigili del fuoco e Carabinieri sul posto

I danni dunque sono importanti: i pompieri sono riusciti ad estinguere le fiamme ed arrestare l’incendio in poche decine di minuti ma per i residenti si prospetta un inizio di 2019 amaro. Sul posto sono arrivati anche i Carabinieri provenienti dalla centrale di Orta San Giulio per ricostruire la dinamica dei fatti ed accertare, di concerto con i vigili del fuoco, le cause del rogo. Fortunatamente nessuno è rimasto ferito. (immagine di repertorio)

Read Full Article

Ha firmato il contratto tornando a far parte dell’Asdc Verbania, Giovanni Russo, notizia accolta con gioia dai tifosi che nella passata stagione calcistica ne hanno fortemente apprezzato le doti. Il calciatore è arrivato in squadra nel mercato di inverno e, seguito da Roberto Frino, ha giocato nel corso del girone di ritorno. Diverse erano le voci legate ad un possibile ritorno in biancocerchiato del portiere che ha finalmente trovato l’accordo con la società con decorrenza immediata: dal match di domenica 16 dicembre 2018 è infatti a completa disposizione del ct in occasione dell’ultima partita del girone di andata contro l’Arona.

Il portiere Giovanni Russo firma con il Verbania

La maglia del Verbania è, per Giovanni Russo, intrisa di ricordi. Le sue parate hanno fatto gioire molti tifosi portando inoltre punti preziosi alla formazione guidata da Frino; in estate è poi arrivata la decisione di spostarsi in serie D a Trento ma nei mesi successivi qualcosa è cambiago. Giovanni Russo ha deciso di fare marcia indietro tornando sui suoi passi e rientrando nell’Asdc Verbania.

Le dichiarazioni del direttore sportivo

“Ci potrà dare una mano a migliorare – ha commentato il direttore sportivo Pietro Fassoli – Il nostro desiderio è quello di continuare a fare bene per poter raggiungere l’obiettivo mancato di un soffio lo scorso anno, ovvero i play-off. Oggi siamo primi in classifica, ma in trasferta i risultati sono sempre incerti, più difficili di quanto ci possiamo immaginare e l’impegno di domenica, ultimo incontro del girone di andata, sarà davvero insidioso”.

Verbania prima in classifica

Russo ha già potuto riabbracciare diversi compagni con i quali ha giocato nel corso della precedente stagione e potrà beneficiare dell’ottimo vantaggio della squadra, il Verbania, prima in classifica nel Campionato di Eccellenza, girone A.

Read Full Article

Hanno picchiato un uomo ammanettato e con questa accusa sono stati condannati dalla Corte d’Assise di Locarno. I responsabili sono due poliziotti svizzeri mentre la vittima delle violenze, avvenute nella notte del 15 dicembre 2013, è un uomo che risiede nella provincia di Verbania Cusio Ossola e che dopo cinque lunghi anni ha finalmente avuto giustizia.

Pestaggio di un uomo, agenti condannati

Secondo quanto emerso i due agenti avrebbero fermato l’italiano nella città di Locarno, ammanettandolo mentre si trovava presso il pronto soccorso dell’ospedale locale. Poi però l’uomo sarebbe stato picchiato e fatto cadere in terra dove gli agenti lo avrebbero colpito con pugni e calci.

La dinamica dei fatti

L’episodio è stato in seguito denunciato dall’italiano e ne è scaturito un processo che ha avuto come epilogo la condanna da parte della Corte di Locarno a nove mesi con sospensione della pena, oltre ad una sanzione di cinquemila franchi, per un agente. e di una pena pecuniaria di 18mila franchi ai quali si sommano 3mila franchi di multa per il secondo. Con l’obbligo per entrambe di risarcire la parte offesa.

Read Full Article

Gradito ritorno per il mercato di Intra, frazione del comune di Verbania. In piazza don Minzoni infatti sono stati sospesi i lavori in occasione delle ormai prossime festività natalizie, smantellando il cantiere di lavoro per consentire al mercato del sabato di tornare nella sua classica disposizione per l’intero mese di dicembmre 2018.

Sospensione lavori in piazza don Minzoni, Intra

Si tratta di una sospensione dei lavori temporanea: il 7 gennaio 2019 è infatti prevista la ripresa delle attività in loco, allo scopo di sostituire la rete fognaria e dell’acquedotto, oltre alle opere di riqualificazione, da parte del comune, della piazza. Il cronoprogramma dei lavori è stato studiato allo scopo di ridurre i disagi per residenti ed attività commerciali al minimo. E permettere di vivere appieno la piazza di Intra nel corso del mese di dicembre e delle feste di Natale.

Il mercato torna alla collocazione classica

E’ stata l’amministrazione comunale di Verbania a sottolinearlo in una nota: le asfaltature provvisorie sono state completate il 30 novembre; poi le aree del cantiere di lavoro sono state liberate da Acqua Novara Vco. Dal 1 dicembre dunque il mercato torna ai suoi spazi tradizionali. Resta solo l’incognita meteo: se il tempo sarà sereno si ripartirà come da programma ad inizio gennaio.

Read Full Article

Inusuale scoperta nel lago d’Orta, nel Verbano-Cusio-Ossola. Un pescatore ha trovato, nello stomaco di un pesce persico da lui stesso pescato, chele di gambero rosso oltre ad un grande involucro di plastica. La notizia ha fatto rapidamente il giro dei social non rimanendo confinata nel territorio. Anche perchè il quantitativo di plastica era di gran lunga sproporzionato rispetto alle dimensioni del pesce.

Plastica nello stomaco del pesce persico

La notizia è riportata anche dal quotidiano La Stampa e consente di prendere consapevolezza del fatto che il problema della plastica in acqua coinvolge, oltre a mari e oceani, anche i laghi del Piemonte e specchi d’acqua come il lago d’Orta, permettendo di intuire il livello di inquinamento che va a colpire direttamente la fauna selvatica del territorio.

Plastica e chele portate a Pallanza

Il pescatore ha deciso di conservare il ritrovamento portando il tutto a Pallanza, presso la sede del Cnr, per un’attenta analisi. L’istituto ha peraltro avviato, dal mese di ottobre 2018, uno studio riguardante la presenza, nelle specie ittiche del lago d’Orta ma anche dei laghi Maggiore, di Garda e di Como, di microplastiche. Mentre gli esperti lavorano per capire in che modo tali microplastiche possano avere un’influenza negativa sul corpo umano e quali siano le conseguenze dell’assorbimento di nano plastiche da parte dell’organismo umano.

Laghi del Verbano inquinati da micriplastiche

Una biologa dell’Irsa di Verbania ha inoltre sottolineato che ad oggi è certo che i pesci che ingeriscono plastica tendono a crescere poco poichè si nutrono di meno; inoltre l’apparato gastrointestinale risulta spesso infiammato poichè i pesci non sono in grado di espellere le plastiche che, progressivamente, vanno a riempire lo stomaco.

Read Full Article

Saranno i cittadini a decidere forma e caratteristiche di un progetto destinato a modificare radicalmente il volto di una delle principali piazze di Verbania. Fino a sabato 24 novembre sia i residenti che i comitati e le associazioni del comune, potranno presentare osservazioni, commenti e memorie in merito alla ‘nuova vita’ di piazza Fratelli Bandiera, la più grande di Verbania, che nell’arco di pochi anni sarà oggetto di una serie di interventi destinati ad incentivare la pedonalità. Spazio verrà infatti sottratto alle auto allo scopo di creare una nuova percorribilità destinata ai pedoni dando così forma ad un collegamento sempre più marcato tra i rioni Sant’Anna e Sassonia.

Nuova piazza, i cittadini possono presentare osservazioni

Quella che oggi appare come una sorta di spazio destinato al parcheggio auto e, durante il sabato, viene riempita dai banchi del mercato di Intra, presenterà in futuro un parco verde, come da progetto di un team di architetti di Asti. Ma anche i cittadini sono protagonisti, chiamati ad esprimere un parere e dare consigli e suggerimenti per eventuali piccole modifiche arrivando così, attraverso una conferenza dei servizi, alla definitiva fisionomia della piazza. Conclusa la presentazione delle segnalazioni dei residenti presso l’ufficio Lavori pubblici, la palla passerà di nuovo in mano ai tecnici che si occuperanno della stesura del progetto definitivo, prima di presentarlo al Consiglio comunale.

Il cronoprogramma dei lavori

Il bando per l’appalto del primo lotto dei lavori è programmato per l’avvio della primavera mentre con l’estate prenderanno il via i lavori peer un opera il cui costo è stimato in circa 6 milioni di euro, in parte coperti da un mutuo e per la restante parte finanziati da bandi regionali. Obiettivo dell’amministrazione Marchionini è quello di rendere la piazza maggiormente fruibile dando inoltre una maggior “continuità urbana” tra le diverse zone di Verbania.

Il progetto

E’ previsto infatti l’incremento di spazi di aggregazione, l’allungamento del percorso ciclopedonale e ne trarranno beneficio anche le attività commerciali, grazie alla maggior presenza di verde. Infine, gli automobilisti non saranno dimenticati: il progetto prevede infatti anche la realizzazione di un parcheggio interrato ad un piano, con 250 posti auto, oltre ai 27 stalli di sosta esterni da utilizzare esclusivamente per il carico e lo scarico e 40 posti per il mercato.

Read Full Article

Il maltempo che ha colpito il Piemonte continua a lasciare tracce del suo passaggio nel Verbano-Cusio-Ossola. La frana caduta a Cannobio in seguito alle forti piogge, in particolare, ha portato alla chiusura temporanea ma prolungata della statale del Lago Maggiore, arteria di primaria importanza per i frontalieri che quotidianamente devono recarsi nel Canton Ticino, in Svizzera, per lavorare.

Statale 34 Verbania-Canton Ticino ancora chiusa

Sulla questione è intervenuto il vicepresidente della regione Piemonte Aldo Reschigna, annunciando che la sua riapertura è programmata entro la prima parte della seconda metà del mese di novembre 2018, dopo che verranno completati tutti i lavori per la completa messa in sicurezza: solo allora la strada, percorsa tutti i giorni da migliaia di veicoli, potrà essere ufficialmente riaperta.

Frana sulla statale a causa del maltempo

Quasi un mese di chiusura dunque per la statale 34, dopo la frana verificatasi il 6 novembre che l’ha resa impraticabile da parte degli automobilisti. Smottamento provocato dall’ondata di maltempo che si è abbattuta su tutta la regione Piemonte e che ha interessato in particolare i comuni del Verbano.

Operazioni di ripristino

Una ditta incaricata da Anas è arrivata sul versante franato per il ripristino del percorso stradale ma è emersa, a seguito dell’intervento dello Spresal, l’assenza di necessarie misure di sicurezza; per tale motivo sono stati provvisoriamente interrotti i lavori fino al via libera dello Spresal, a partire dal quale, ha confermato Reschigna, “Anas ha assicurato che nell’arco di massimo cinque giorni la strada verrà riaperta”. Siscom, che è stata incaricata dei lavori di disgaggio e bonifica da Anas, ha consegnato allo Spresal la documentazione richiesta per fare in modo che le operazioni possano riprendere.

Frontalieri in attesa della riapertura, le alternative

Gli automobilisti attendono con impazienza la riapertura della statale del Lago Maggiore, che collega il comune di Verbania al Canton Ticino e che corre sulla sponda piemontese del lago. La riapertura, prima in senso unico alternato ed in seguito completa, andrebbe ad eliminare i disagi vissuti dai frontalieri nel mese di novembre, costretti ad utilizzare i battelli oppure a percorrere strade alternative.

Read Full Article