Categoria: Attualità

Al giorno d’oggi l’utilizzo di internet è ormai presente in ogni attività che si svolge quotidianamente. Proviamo a pensare alle numerose applicazioni che permettono di gestire i vari elettrodomestici in casa, piuttosto che il sistema di illuminazione, con l’opportunità di gestire anche ad estrema distanza tutti i vari dispositivi.

Eppure, l’utilizzo incontrollato di applicazioni e quant’altro tramite il web ha portato un gran numero di problemi che prima d’ora non erano ovviamente emersi. L’impressionante flusso di informazioni che vengono pubblicate ogni giorno sul web rischia di finire nelle mani sbagliate e, in quel caso, diventa davvero un grave problema di sicurezza.

Phishing e truffe online

Capita spesso di eseguire l’accesso al proprio conto in banca online, ad esempio, e ovviamente è necessario prestare la massima attenzione a fenomeni come il phishing, che può re-indirizzare gli utenti verso siti web che sembrano quasi uguali rispetto agli originali, rubando poi le varie credenziali inserite. I truffatori che mettono in atto questi stratagemmi hanno l’obiettivo di rubare i dati

Chi utilizza, ad esempio, lo smartphone e internet per scommettere e giocare online ha dovuto affrontare un problema di sicurezza e di affidabilità. Nel corso degli ultimi anni, però, l’evoluzione delle piattaforme d’azzardo online è stato imponente, al punto tale che oggi i casinò che possono vantare il marchio Aams si caratterizzano per essere totalmente sicuri. Ecco, in ogni caso, alcuni consigli per scegliere il miglior bookmaker Aams grazie alle recensioni e non sbagliare.

Uno dei principali pericoli legati a questa grande diffusione di dati e di informazioni che sono presenti sul web è certamente che qualcosa possa finire nelle mani degli hacker. Questi ultimi, infatti, sono perennemente alla ricerca di informazioni personali da poter utilizzare per poter eseguire l’accesso ai conti bancari online oppure ad ogni tipo di informazione bancaria per poter rubare dei soldi.

I migliori consigli da seguire per proteggersi online

Di conseguenza, una navigazione sicura è fondamentale e ci sono alcune regole da rispettare mentre si utilizza internet. Il primo consiglio è quello di provare a limitare le informazioni personali che vengono diffuse online, cercando di mantenere sempre un profilo professionale. Le informazioni personali non vanno inserite su un profilo pubblico, ma devono essere riferite solamente a chi lo richiede, non a milioni di estranei.

Le impostazioni sulla privacy devono essere usate sempre e comunque: si tratta del primo livello di sicurezza nei confronti di ogni tipo di rischio di navigazione. Prendersi cura dei propri dati è fondamentale e per farlo sfruttare le impostazioni che sia i browser web che i sistemi operativi degli smartphone mettono a disposizione è altrettanto importante.

Le piattaforme più conosciute, come ad esempio Facebook, propongono agli utenti tutta una serie di impostazioni legate alla privacy con cui si può scoraggiare l’azione degli hacker. In qualche caso capita che tali impostazioni non siano sufficientemente evidenti, proprio per via del fatto che diverse aziende hanno vantaggio a lasciare che l’utente immetta le proprie informazioni di carattere personale perché hanno un alto valore commerciale.

La navigazione in maniera sicura? I cybercriminali sfruttano dei contenuti che chiaramente non passano di sicuro inosservati, per un motivo ben preciso. Infatti, è meglio stare alla larga da tutti quei contenuti che parlano di argomenti tendenzialmente ambigui e che si prestano all’inserimento di informazioni personali o che possono trarre in inganno gli utenti.

Un altro suggerimento molto importante da seguire è quello che riguarda la connessione a internet che viene utilizzata. Tutti gli esperti di questo settore mettono in evidenza come la connessione al web locale dovrebbe essere sempre protetta e non vulnerabile. Ad esempio, prima di accedere a conti online e ad altri siti in cui si inseriscono dati sensibili, è sempre meglio connettersi a reti WiFi sicure.

Read Full Article

Che cos’è la sicurezza alimentare? L’uomo ha sempre avuto la capacità di adattarsi a qualunque tipo di cibo, sia di origine vegetale e sia animale e perciò è definito onnivoro.

Ma questa enunciazione non significa che l’uomo possa mangiare qualsiasi alimento sottovalutando, in questo modo, il mangiare bene e tutelare se stesso. Dunque, al riguardo si addentra il concetto di sicurezza alimentare.

Per sicurezza alimentare si attribuisce il significato di sicurezza igienico-sanitaria degli alimenti, garantendo quest’ultimi sicuri ed utili per condurre uno stile di vita sano per l’individuo.

É necessario, per la salute di quest’ultimo, raggiungere il fabbisogno energetico necessario per la sopravvivenza. Inoltre, anche l’aspetto socio-economico è da tenere in considerazione: malnutrizione e denutrizione sono i risultati di diverse carenze e scarsità nutritive mirate, soprattutto, nei paesi più poveri.

Persone che vivono ogni giorno sul filo dell’innocente sopravvivenza, incapaci di difendersi e di attuare tutte le precauzioni necessarie al fine della propria salute. La fame che soffrono è difficilmente comprensibile per noi, in quanto risulta difficile rendersi conto di tutti gli effetti che possono essere provocati dalla mancanza e dalla gestione di cibo e di acqua.

Mentre le popolazioni più ricche, sono sopraffatte ogni giorno dall’agiatezza e dall’ingordigia di sazietà, la quale li induce a mangiare cibi che, spesso, non sono pertanto controllati. La qualità degli alimenti si fonda sulla ricchezza di igiene e di controllo sanitario utile per il benessere di chi lo consuma.

Ma non è tutto, in quanto, la nozione di sicurezza alimentare racchiude non solo l’adeguata condizione igienica del cibo, ma anche dell’acqua. Essa è essenziale per la vita umana, ma per essere potabile è necessario che sia protetta e microbiologicamente verificata, per garantire una vita in salute e di appagamento riguardo al benessere dell’uomo.

La responsabilità principale è quella di prevenire contaminazioni batteriche e, di conseguenza, rischi effettivi e cronici per la salute. Bere acqua e mangiare cibi che non sono controllati e protetti, equivalgono ad aumentare l’alto rischio di malattie e patologie, molto spesso mortali.

In conclusione, è considerevole che tutto ciò che ci circonda e che sia commestibile, sia verificato e controllato per la salute di noi stessi e per il prossimo.

Come salvaguardare l’aspetto igienico-sanitario e cos’è l’HACCP

Volto a concentrarsi sulla salute, l’aspetto igienico-sanitario del cibo che ingeriamo, ha l’obiettivo di prestarsi come garanzia per il consumatore. La richiesta di qualità del prodotto è racchiusa dall’origine del prodotto stesso, dalla trasformazione, manipolazione, imballaggio e così via da parte del produttore. Questo sistema di regole di igiene e di sicurezza alimentare tende a concentrarsi nelle industrie alimentari che conseguono il certificato HACCP.

Acronimo di Hazard Analysis Critical Control Point, ovvero, Analisi dei Rischi e Controllo dei Punti Critici, l’HACCP è il sistema di controllo e di garanzia alimentare igienico-sanitaria da parte delle strutture alimentari.

Lo scopo è quello di aiutare a gestire tutte le fasi in cui l’alimento potrebbe essere contaminato da batteri. Con l’acquisizione di questo attestato, esse raggiungono competenze relative all’igiene delle strutture, degli strumenti utilizzati e manutenzione e conservazione degli alimenti.

L’HACCP si acquisisce, tramite la frequentazione di un corso, avvalendosi di professionisti del settore alimentare i quali indirizzano i lavoratori a produrre nel rispetto delle regole. Questo sistema, per prevenire qualsiasi inconveniente, prevede, innanzitutto, una meticolosa valutazione dei diversi rischi che possono danneggiare la salubrità del cibo.

Le imprese che non sono in regola munite del certificato HACCP e che non effettuano procedure di controllo igienico e sanitario previste dai principi di questo sistema, rischiano sanzioni autorevoli.

Tuttavia, la capacità di apportare benessere fisico e di giovare alla salute rientra indiscutibilmente nelle priorità della vita umana. Vivere una vita sana consegue una vita felice.

Fonte delle informazioni: https://www.gdmsanita.it/sicurezza-alimentare-torino.php

Read Full Article

I momenti dedicati all’organizzazione degli spazi della casa sono emozionanti a dir poco. Nella scelta dell’arredamento ci si mette infatti creatività e, perché no, anche quel guizzo di follia che non guasta mai.

Lo sa bene chi ama l’arredamento moderno e punta a dare spazio a elementi e complementi il più possibile innovativi.

Arredamento moderno: idee da non perdere

Premettendo il fatto che ogni casa è diversa e che riflette la personalità di chi la abita, è bene ricordare che esistono alcune linee guida perfette per chi vuole un arredamento moderno. Un ottimo consiglio in questi casi riguarda innanzitutto la cura dei dettagli della stanza da bagno.

Chi ha appena acquistato casa ed è alla ricerca di arredamenti moderni a Varese – ma anche in altre città d’Italia – può per esempio prendere in considerazione l’essenzialità dello stile nordico. Questo significa, per esempio, optare per un piano del lavandino non incassato ma appoggiato su un piano in legno, le cui cromie possono essere richiamate scegliendo un tappeto del medesimo colore.

Per chi vuole attenersi alle linee di questo stile di arredamento, la vasca da bagno posizionata al centro della stanza è un’opzione fantastica (sul sito ufficiale di Artheco è possibile trovare numerosi modelli).

L’arredamento della stanza da bagno è un’ottima “palestra” per scoprire alcune delle tendenze dell’arredamento moderno, che riguardano ovviamente anche altri ambienti della casa. In questo novero ricordiamo senza dubbio l’attenzione all’effetto naturale.

Valorizzarlo significa dare spazio a legno con venature in evidenza, ma anche a resine particolarmente materiche, perfette non solo per il bagno, ma anche per la cucina, luogo deputato più di altri alla creatività e alla valorizzazione del richiamo della natura.

Come arredare il salotto in ottica moderna

Una parentesi importante per chi vuole arredare casa in ottica moderna riguarda il living. Il salotto è un vero e proprio biglietto da visita dell’abitazione e, al giorno d’oggi, è sempre più multifunzione. Lo utilizziamo infatti per mangiare, giocare con i figli, accogliere gli amici.

Per questo motivo, l’arredamento deve essere all’insegna della flessibilità. Ottima a tal proposito è la soluzione della parete attrezzata, comodissima da installare e in grado di adattarsi a numerose esigenze stilistiche.

Altre idee

Si potrebbe andare avanti ancora tantissimo a parlare di consigli per chi vuole arredare casa in ottica moderna. Tra i suggerimenti più interessanti al proposito, è possibile citare anche l’attenzione allo stile industrial, che prevede per esempio i tubi a vista anche negli spazi interni, soluzione perfetta per chi ha un loft.

Anche il semi rustico dei mattoni a vista non è male, per non parlare dell’inclusione dei dettagli vintage – per esempio le sedute – in un ambiente caratterizzato da un sapore palesemente tech e minimale.

Non c’è che dire: chi dice che l’arredamento moderno è noioso, può cominciare a rivedere i suoi punti di vista!

Read Full Article

Sorrisi, lacrime, brividi e risate. E’ così sintetizzabile il successo di Eko Dance International Project, gruppo compostoi da diciotto ballerini guidati dall’artista Pompea Santoro, che hanno donato vere emozioni al pubblico intervenuto al teatro Il Maggiore di Verbania. Un perfetto binomio tra tecnica della disciplina classica e movenze contemporanee che ha stregato gli spettatori, emozionati nell’ammirare il frutto del prezioso lavoro di ricerca condotto dal coreografo svedese Mats Ek, noto anche come “il genio della danza contemporanea”.

Atletismo, movenze contemporanee e tecnica classica

Da segnalare che lo spettacolo è stato introdotto dall’Associazione Psicologi del Verbano Cusio Ossola che hanno organizzato un dibattito con la ballerina Pompea Santoro, affrontando argomenti di grande rilevanza e facendo emergere una serie di segreti del mondo della danza. Ma non solo perchè ai partecipanti è stata offerta anche la possibilità di prendere parte, prima dello spettacolo, ad un momento formativo pomeridiano.

Un momento formativo pomeridiano

Occasione per seguire la preparazione fisica quotidiana dei ballerini, al lavoro per affrontare i tanti spettacoli in programma sia in Italia che all’estero. L’evento è stato organizzato dall’Associazione culturale Nuovo Balletto: vi hanno preso parte le allieve della ballerina Franca Dal Fratelli, alla guida del centro di formazione per la danza classica contemporanea e il flamenco, nel comune di Verbania.

Le allieve hanno introdotto lo spettacolo

Le stesse allieve, che nel pomeriggio si sono allenate con sbarra e variazioni per migliorare l’elasticità del proprio corpo, hanno introdotto la serata nel corso della quale sono state proposte, in chiave moderna, Giselle, Carmen, La Bella Addormentata e tanto altro.

Read Full Article

E’ arrivata fino a Verbania e diverse persone sono rimaste coinvolte. E’ la truffa del finto avvocato, messa in atto da due napoletani di 20 e di 48 anni che hanno organizzato un sistema truffaldino con la complicità di telefonisti dalla Spagna. Le indagini non si sono fermate dopo il loro arresto da parte dei carabinieri di Vercelli, avvenuto nel mese di luglio 2018.

La truffa del finto avvocato anche nel VCO

Le autorità hanno infatti approfondito il caso scoprendo che le truffe non venivano messe in atto soltanto nel Napoletano, estendendosi verso nord, fin nel Vco e nel Novarese. Le vittime, soprattutto anziani, venivano abbindolate telefonicamente con la notizia di un presunto (ma falso) incidente di un loro parente che rendeva necessario l’intervento di un legale.

Colpi accertati anche a Verbania

A quel punto i due truffatori raggiungevano le persone a casa facendosi consegnare denaro contante o, in alternativa, oggetti preziosi. La coppia è stata arrestata con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata alla truffa, concorso in tentata truffa, sostituzione di persona dopo aver accertato i primi colpi da loro messi a segno.

L’esito delle indagini

Ma approfondendo l’indagine i militari sono riusciti a portare il totale dei colpi a 43: di questi, alcuni sono avvenuti proprio a Novara e Verbania. Complessivamente il 20enne ed il 48enne erano riusciti a racimolare almeno 100mila euro. I Carabinieri hanno però messo la parola fine a questo sistema di raggiri.

Read Full Article

Il suo volto è stato mostrato anche a Chi l’ha Visto e sul caso potrebbe essere a breve messa, purtroppo drammaticamente, la parola fine. Anche se solo gli esami del Dna potranno chiarirlo con concretezza, prove ed indizi raccolti in merito ai resti ritrovati tra Vogogna e Pieve Vergonte, lungo il greto del fiume Toce, sabato 30 marzo, sembrano lasciare pochi dubbi sull’identità della vittima.

Resti sul Toce, sono di Tomàas Bim?

Si tratterebbe di Tomàs Bim, residente a Pallanzeno ed impegnato come operaio in una fabbrica di Piedimulera, scomparso nel nulla proprio da questo paese il 20 maggio 2018. Il 27enne ceco indossava infatti scarpe sportive color grigio che corrisponderebbero a quelle trovate vicino ai resti; ma anche brandelli di tessuti impigliati nella vegetazione sembrerebbero, da una prima analisi, essere riconducibili al materiale dello zaino che il giovane aveva con sè il giorno della sua scomparsa.

Unica persona scomparsa in Ossola

A chiudere il cerchio vi sono inoltre i numeri: il ragazzo è l’unica persona scomparsa negli ultimi anni in Ossola. Dopo la denuncia della famiglia, erano state immediatamente avviate le ricerche, purtroppo senza alcun esito; ma le indagini sono si sono fermate, anche su richiesta dell’ambasciata della Repubblica Ceca all’Italia.

La ricostruzione dei fatti

Secondo la ricostruzione dei fatti il 20 maggio, all’1.30 della notte, Tomàs Bin ha parlato con la moglie (residente in Repubblica Ceca) al telefono: a lei avrebbe detto di essere appena uscito da un bar, intenzionato a tornare a casa. Questo non è mai avvenuto e, quando il giorno seguente non si è presentato al lavoro colleghi e famiglia hanno iniziato a telefonargli; il cellulare ha squillato fino alle 17 del giorno successivo per poi risultare spento.

Le ricerche

I Carabinieri, grazie alle tracce telefoniche, sono riusciti ad individuarne la posizione, in una piazzola vicino a Piedimulera; da quel momento sono scattate le ricerche. Il ritrovamento dei resti a fine marzo 2019 potrebbe mettere la parola fine al caso anche se solo l’esame del Dna potrà confermare la sua identità e la successiva autopsia permetterà di chiarire le cause del decesso.

Read Full Article

Con la scusa di chiedere un’informazione ad un passante lo hanno fermato e rapinato. L’increscioso episodio si è verificato a Intra, frazione del comune di Verbania: qui, come riportato da Verbanonews, a soli duecento metri dal comando della locale Polizia Municipale, in via Cesare Battisti, un uomo sarebbe stato avvicinato da un’auto color grigio, stando alle informazioni ricavate ascoltando la testimonianza della vittima.

Finta informazione per rubare l’orologio

Sul veicolo, stando a quanto descritto, vi erano una donna e un uomo e uno dei due, la donna, avrebbe chiesto al passante, un sessantacinquenne, un’informazione. Dopo aver notato che al suo polso c’era un Rolex, con un’abile e studiata mossa è riuscita a strapparglielo dal braccio. A quel punto la vittima ha reagito, cercando di fermare la donna che era uscita dal mezzo e che è riuscita a tornare nel veicolo: il suo complice è partito alla massima velocità e nella collutazione il passante è caduto, fortunatamente senza riportare ferite.

Polizia e vigili indagano sull’accaduto

Ha immediatamente allertato i vigili di Verbania e la Polizia che hanno raccolto la sua testimonianza e avviato le indagini predisponendo anche una serie di posti di blocco sulle vie di accesso al comune. L’episodio è avvenuto il 1 aprile 2019: al momento i due rapinatori non sono stati al momento individuati.

Read Full Article

Mai come in queste settimane si attende l’arrivo del maltempo sul Verbano-Cusio-Ossola. E, stando alle previsioni meteo relative al Piemonte e alle sue province, le piogge potrebbero arrivare a brevissimo. Non oggi, lunedì 1 aprile, giornata caratterizzata da cieli poco nuvolosi o, nelle ore pomeridiane, variabili ma senza precipitazioni, con temperature comprese tra 21 e 8 gradi, venti deboli da nord nordovest la mattina e sudest durante il pomeriggio, e zero termico a 2600 metri.

Maltempo, lieve peggioramento dal 2 aprile

Ma da martedì 2 aprile, giornata nel corso della quale le previsioni per Verbania e comuni limitrofi indicano un progressivo aumento della nuvolosità con la possibilità, in serata, di piogge deboli fino a 4 mm. Le temperature previste per martedì 2 aprile sono comprese tra 18 gradi (massima) e 10 gradi (minima), con venti pressochè assenti durante la mattina e provenienti da est-sudest nel pomeriggio.

Mercoledì con rovesci e temporali a Verbania

I rovesci veri e propri dovrebbero invece arrivare mercoledì 3 aprile: è infatti presente un’allerta per pioggia che rappresenterebbe, per i territori del verbanese, una vera e propria boccata d’ossigeno dopo il lungo periodo di siccità che ha caratterizzato i mesi di febbraio e marzo.

Allerta piogge Piemonte

Si prevedono cieli molto nuvolosi o coperti sin dalle prime ore della giornata con possibilità di deboli piogge che andranno intensificandosi nelle ore serali. Possibili rovesci a carattere temporalesco con previsione di 77 mm di pioggia e un crollo delle temperature, comprese tra 13 e 7 gradi. Si abbassa anche l’altitudine dello zero termico, 1750 medtri. Nessuna particolare variazione per quanto riguarda i venti, pressochè assenti al mattino, deboli e provenienti da est-sudest nel pomeriggio.

Read Full Article