Categoria: Attualità

Presunto pedofilo accoltellato a Pordenone: è accaduto di recente. L’uomo è una vittima di 48 anni, accusato in passato di aver molestato il ragazzo

È una storia che potrebbe avere dell’incredibile, quella che si è verificata a Pordenone dove un ragazzo di 23 anni ha deciso di farsi giustizia da solo e ha tentato di uccidere, con le proprie mani, il presunto – almeno per adesso – pedofilo: in passato il ragazzo sarebbe stato, infatti, vittima di molestie e di abusi sessuali quando era appunto ancora minorenne.

Presunto pedofilo accoltellato a PordenonE così il giovane, dopo un periodo di riflessione, ha preso il coraggio in mano ed ha deciso non solo di denunciare l’accaduto ma anche di uccidere l’uomo che lo avrebbe molestato quando era solo un ragazzino: la vittima del tentato omicidio – che comunque è a processo per gli abusi sessuali subiti – è un medico di 48 anni, che è stato accoltellato dal ragazzo.

Dopo la denuncia di molestie, il medico 48enne era già comunque stato sospeso dalla professione in passato, anche se attualmente il giudice aveva comunque revocato il provvedimento a suo carico. Adesso, il ragazzo dovrà rispondere di tentato omicidio per aver cercato di far fuori l’uomo che lo avrebbe molestato in passato, quando appunto era ancora minorenne.

Read Full Article

Trump su lotteria: il presidente americano ha parlato della Green card lasciato intendere che ci saranno dei cambiamenti in merito alle modalità con cui essa è rilasciata

Trump su Green CardSembra essere praticamente sotto accusa la cosiddetta Green Card, la nota e famigerata lotteria che, al giorno d’oggi, permette a chi non è cittadino americano di entrare in America per realizzare quello che da sempre è il sogno di molte persone: vivere e lavorare negli Stati Uniti, ottenendo così un’importante possibilità. La Green Card, il tanto famoso ed amato biglietto verde, apre le porte all’America, ed ha però aperto le porte anche all’attentatore di New York, l’uomo di 29 anni, dell’Uzbekistan, che è stato provocatore della strage del pomeriggio di Halloween, il 31 ottobre 2017.

Ed ecco che, dopo gli ultimi avvenimenti sulla strage – Fbi e non solo, in molti sono sempre più convinti e certi che l’uomo abbia agito per conto dell’Isis – il presidente americano, Donald Trump, ha tuonato contro questa lotteria, sostenendo che essa rappresenta un problema per l’America, che in al modo si trova ad accogliere in Paese anche chi non lo merita.

Le parole di Trump sono state abbastanza forti: “Il terrorista è arrivato nel nostro Paese grazie alla cosiddetta ‘lotteria per la diversità dei visti’, una bellezza di Chuck Schumer. Li voglio in base al merito“, ha dichiarato il Presidente,  sostenendo anche che da questo momento in poi gli stessi controlli per chi entra in America, anche da turista, saranno incrementati molto.

Read Full Article

Attentatore New York Green Card: Sayfullo Saipov era stato uno dei vincitori della lotteria che permette di entrare a lavorare e vivere in America

Attentatore New York Green CardAvrebbe vinto la lotteria americana Green Card e grazie al biglietto vincente sarebbe riuscito ad intrufolarsi nella tanto amata e sognata America, l’uomo che, nel pomeriggio del 31 ottobre 2017 ha travolto, a bordo del suo pick up, alcuni passanti, uccidendo ben 8 persone e ferendone almeno 12.

Pare che, stando a fonti informate, l’uomo sarebbe addirittura riuscito ad arrivare in America grazie alla famigerata Green Card, la lotteria che permette di arrivare nel Paese anche senza un visto, per lavorare ed iniziare la vita americana. E proprio questo fatto avrebbe spinto Donald Trump, presidente americano, a fare delle dichiarazioni importanti in merito a questa lotteria: secondo il presidente degli usa, infatti, si dovrebbero modificare le regole per poter ottenere questo speciale biglietto, non più quindi per mezzo di estrazione, ma “per merito”.

Intanto, dopo il suo attacco – che l’Fbi insiste essere un vero e proprio attacco terroristico – l’uomo è stato ricoverato in ospedale ed è stato sottoposto ad una operazione chirurgica: durante la fuga, infatti, gli agenti della polizia americana erano riusciti a bloccarlo, sparando alcuni colpi contro di lui.

Read Full Article

Attentato a New York: l’attentatore si chiama Sayfullo Saipov, ha 29 anni ed è uzbeko. Prima di travolgere con il suo pick up le persone che si trovavano sulla sua strada, avrebbe urlato Allah Akbar

Attentato a New YorkSono stati momenti molto difficili, quasi attimi di panico, quelli che nel pomeriggio di ieri ora locale, hanno attraversato le vite e i pensieri di tutti coloro che hanno incrociato la strada di Sayfullo Saipov, 29enne uzbeko che ha travolto,  a bordo del suo veicolo, un gruppo di persone che passeggiavano in zona Ground Zero.

Il 29enne uzbeko, che aveva qualche precedente penale per inflazioni stradali, ieri pomeriggio è salito quindi a bordo del suo furgoncino – un furgoncino di Home Depot, il noto negozio americano che si occupa della vendita di prodotti  fai da te per la casa –  per assalire quante più persone possibili. Secondo le fonti, l’uomo, alla guida del suo pick up, avrebbe quindi assalito i passanti attraversando la pista ciclabile nella zona immediatamente vicina al World Trade Center, ed avrebbe urlato, con in mano le sue armi – una pistola ad arma compressa ed una sparachiodi – la frase non sibillina “Allah Akbar”. Sulla pista ciclabile avrebbe quindi investito alcuni passanti: morte 8 persone, ferite almeno 12.

Read Full Article

Carta identità smarrita denuncia: le regole potranno essere modificate e molto presto vi sarà la possibilità di effettuare la denuncia del documento che è stato smarrito per mezzo del Comune, e non più dai Carabinieri

Carta identità smarrita denuncia: cosa accade nel caso in cui venga perduto il documento di identità? Secondo le ultime novità in merito, è del tutto possibile che, molto presto, nel caso di effettivo smarrimento della carta di identità non si debba più andare dai carabinieri per sporgere denuncia di smarrimento. Infatti, quest’ultima potrà essere effettuata direttamente al Comune, con un notevole risparmio di tempo ed anche di denaro, grazie ad una sorta di razionalizzazione della spesa resa possibile dalla nuova normativa.

Carta identità smarrita denunciaLa notizia è stata resa nota nelle ultime ore da parte del commissario straordinario che si occupa della razionalizzazione e delle revisioni di spesa pubblica da parte delle amministrazioni pubbliche, ovvero Yoram Gutgeld.

Come è peraltro abbastanza facile comprendere, l’obiettivo di questa possibilità di cambiamento è duplice: da un lato, si ottiene una semplificazione che rende possibile un alleggerimento del carico di lavoro per gli uffici pubblici; dall’altro lato, è più facile e veloce, per il cittadino, recarsi direttamente in Comune per la denuncia di smarrimento, anziché, appunto, dai carabinieri.

 

 

Read Full Article

Cimici difficili da eliminare: ecco quali sono i motivi per cui questi insetti sono molto difficili da debellare

Cimici difficili da eliminareNe abbiamo parlato molto nei giorni scorsi, ricordando quanto, in effetti, la cimice asiatica possa essere considerata come uno degli insetti più dannosi per le coltivazioni del Nord Italia – oltre ad essere un parassita tra i più temuti anche per via dei fastidi domestici che è in grado di comportare – e come uno di quegli insetti da debellare.

I motivi per cui la cimice asiatica è difficile da eliminare ed è anche considerata come una delle più fastidiose specie sono diversi: primo fra tutti, il fatto che questo insetto è in qualche modo un parassita polifago, che si nutre di tutto e che quindi ha una capacità di sopravvivenza ed è dotato di una resistenza al di fuori del normale. Bisogna poi aggiungere, a ciò, il fatto che la cimice non conosce antagonisti: non esistono in natura altri animali o insetti che se ne nutrano, e questo rende ancor più difficile per un coltivatore essere in grado di eliminarla in maniera naturale. Infine, un altro motivo per cui è difficile eliminare questi insetti è la loro capacità di nascondersi; negli anfratti delle abitazioni, nei cassonetti, nelle zanzariere e tra i panni stesi, per tentare di svernare al caldo.

Read Full Article

Lotta alla cimice asiatica: questo insetto è uno dei più devastanti del periodo autunnale e va assolutamente contrastata la sua presenza

È uno degli insetti più temuti del periodo autunnale, molto presente soprattutto in alcune zone del nord Italia, dove la sua presenza si fa sentire in maniera anche piuttosto ingombrante: stiamo parlando del parassita polifago dell’autunno, la cimice, che spesso non solo è un vero e proprio problema per le coltivazioni e per le piantagioni, ma rischia anche di essere un problema per tutti coloro che lo temono – o del quale sono schifati.

Cimice devasta coltivazioniÈ un parassita cinese, il cui nome scientifico è Halyomorpha halys: esso si presenta più o meno tutti gli anni, talvolta con minore frequenza, in autunno, quando il periodo delle coltivazioni di soia, mais e nocciole è avanzato, e spesso devasta e crea molti danni a queste stesse piantagioni. Inoltre, questo parassita lo si trova facilmente anche nelle coltivazioni di mele e kiwi, ed è un insetto che è difficile debellare in maniera naturale, anche perché non conosce antagonisti ed è molto prolifico. Secondo la Coldiretti, sarebbe bene prevenire il suo attacco perché esso è assolutamente in grado di distruggere oltre 300 specie di coltivazioni tra frutta e cereali, ma anche le piante ornamentali: la lotta a questo insetto, però, andrebbe fatta in maniera corretta e potenzialmente sostenibile.

 

Read Full Article

Cimice devasta coltivazioni: allarme della Coldiretti a Torino, c’è davvero molto da fare per prevenire

Potrebbe mettere a serio rischio e pericolo le coltivazioni piemontesi, oltre ad essere un insetto non particolarmente piacevole e sicuramente uno dei più temuti: stiamo parlando della cimice asiatica che, secondo le ultime notizie che provengono direttamente dalla Coldiretti, è un insetto che sta per distruggere letteralmente i raccolti e che anche quest’anno – come ogni anno, d’altronde, ma forse adesso ancora peggio delle altre volte – sta direttamente devastando le coltivazioni.

Cimice devasta coltivazioniL’allarme della Coldiretti sulla cimice marmorata asiatica che sta invadendo le coltivazioni del Piemonte è infatti molto importante: e quest’anno, forse anche per via di una temperatura che non è propriamente autunnale e che ci sta regalando giornate calde e soleggiate, potrebbe essere insomma ancora più pericoloso l’avvento di questo parassita polifago. Esso sta infatti devastando molti frutteti, molti orti, ed ovviamente anche le coltivazioni e piantagioni ed i campi di soia e di mais: per questo motivo, è importante cercare di ordinare un progetto di prevenzione e di trattamento di questi campi, per evitare che molte coltivazioni vengano estremamente danneggiate ed anche per far sì che questo parassita possa essere debellato in maniera più naturale possibile.

Read Full Article