Massimo Bossetti innocente? Un altro elemento potrebbe scagionarlo

Massimo Bossetti innocente? Una fotografia satellitare mostra l’assenza del cadavere nel campo di Chignolo D’Isola

Potrebbe essere scagionato, un giorno non molto lontano, il muratore di Mapello, Massimo Bossetti, accusato ed oggi in carcere per il rapimento e l’omicidio di Yara Gambirasio. Tutto avvenne nella sera del 26 novembre 2010 quando Yara, che all’epoca aveva 13 anni, stava rientrando dal consueto allenamento in palestra e si stava dirigendo verso casa, a Brembate di Sopra. La piccola Yara, però, quella sera del 26 novembre non fece mai ritorno a casa: il telefono spento, la paura tra i suoi familiari, il terrore che potesse esserle accaduto qualcosa.

Bossetti innocenteEd in effetti, quel “qualcosa” era accaduto davvero ed era molto più di un semplice qualcosa. Mesi dopo si sarebbe scoperta la presenza del suo corpo ormai privo di vita, in un campo non molto distante dal luogo della sua scomparsa: fu un appassionato di aeromodellismo che, nel febbraio del 2011, scoprì che la piccola Yara era stata uccisa e che il suo cadavere era stato nascosto proprio in quel campo. Le indagini, iniziate immediatamente, portarono dopo quattro anni alla condanna di un uomo, Massimo Bossetti, carpentiere che secondo l’accusa avrebbe rapito e lasciato morire la piccola Yara. Ma adesso, i nuovi elementi portati dalla difesa del muratore sembrano avere la possibilità di scagionarlo: una fotografia satellitare scattata il 24 gennaio 2011 – circa un mese prima del ritrovamento del corpo – fa emergere che su quel campo, il corpo della piccola non c’era. Cosa significherà tutto questo?

 

Potrebbero Interessarti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *