Broker online: nuove regole per ottenere l’autorizzazione ad operare

Le importanti novità a livello normativo che stanno interessando molto da vicino il mondo del trading online cambieranno non poco il modo in cui i broker dovranno relazionarsi con i propri clienti.

Questi ultimi, dal canto loro, dovranno prestare sempre più attenzione a rivolgersi a broker autorizzati, dotati cioè di regolare licenza rilasciata da un organo di competenza nazionale o internazionale (come ad esempio la Consob per quanto riguarda l’Italia, o la nota CySEC per tutti gli operatori finanziari con sede sull’isola di Cipro) che attesti la loro capacità di guidare i trader in modo sicuro e realmente redditizio.

broker onlineDa qualche settimana a questa parte, un broker online che desideri la tanto agognata autorizzazione dovrà rispettare regole molto più ferree rispetto a qualche mese fa, a riprova del fatto che l’Unione europea e i vari organismi di tutela stanno seriamente rafforzando i controlli sui vari operatori. Quali sono quindi le nuove regole da rispettare per ottenere la licenza? Scopriamole insieme.

La prima novità è relativa ai bonus offerti. A partire dal mese di marzo tutte le piattaforme per il trading online devono infatti adottare un nuovo comportamento riguardo i bonus e le promozioni, soprattutto per quanto riguarda quelli offerti periodicamente, che sono stati aboliti. Niente più bonus quindi per i broker opzioni binarie autorizzati, o per i forex broker che tanto puntavano su offerte del genere per attirare nuovi clienti.

Un’altra modifica riguarda la leva finanziaria, lo strumento con il quale si possono moltiplicare i guadagni acquistando o vendendo un prodotto finanziario per un ammontare superiore al capitale posseduto. Secondo le nuove regole, la leva finanziaria sulle operazioni di investimento deve rispettare un limite massimo.

Queste le due novità più importanti, in aggiunta alle quali è stata ovviamente confermata la normativa precedentemente utilizzata per delineare i requisiti che una piattaforma deve avere per ottenere la licenza.

Tutto sarà controllato tramite misure di sorveglianza più rigide. Anche questo è infatti incluso nelle novità del 2017, anno che vedrà un aumento dei controlli sui broker che operano nel settore e che dovranno offrire più garanzie andando a rispettare tutti i requisiti richiesti.

Tante modifiche importanti quindi, che certamente non andranno a stravolgere il funzionamento dei broker, ma che sembrerebbero piuttosto indirizzate in ottica utente, per garantire sempre maggior sicurezza. Una necessità sentita più che mai, dato che il trading online è cresciuto enormemente negli interesse degli utenti della Rete.

Potrebbero Interessarti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *