quinoa

Quinoa: proprietà e benefici per la salute

La quinoa, alimento fino a qualche tempo fa ricercato solo dai celiaci e riservato quasi esclusivamente ai negozi bio, attualmente è uno dei più diffusi al mondo.

Anche in Italia la sua richiesta ha superato le 300 tonnellate all’anno, ben 100 tonnellate in più rispetto al 2010, ed è presente sugli scaffali di tutti i supermercati e nella maggior parte dei menù dei ristoranti, tanto da rendendere il nostro Paese uno dei maggiori importatori di quinoa in Europa.

A che cosa è dovuto questo cambiamento? Scopriamo perché un prodotto gluten free è diventato protagonista assoluto in cucina, triplicando la sua richiesta sulle tavole di tutto il mondo, Italia inclusa.

Le caratteristiche della quinoa

La quinoa sembra un comune cereale, ma non lo è. Il suo nome scientifico è Chenopodium quinoa ed è una pianta erbacea della stessa famiglia di spinaci e barbabietole. Talmente nutriente da essere entrata a far parte dell’alimentazione degli astronauti, è ricca di ferro, sali minerali ed è priva di glutine.

Può essere a semi bianchi, neri e rossi – la caratteristica che più di ogni altra la rende simile esteriormente alla categoria alimentare dei cereali – è molto usata tra i vegetariani e i vegani come alternativa proteica alla carne ed è uno dei sostituti del grano per chi è celiaco. Può essere consumata interamente poiché, oltre ai semi cui si è già accennato, anche le foglie di quinoa possono essere consumate, infatti sono ideali come contorno.

L’importante è lavarla accuratamente perché contiene una buona percentuale di saponine che, al gusto, si presentano profondamente amarognole. In commercio, sono diffusi anche altri prodotti a base di quinoa, quali bevande, birra e farina, di solito miscelata con altre tipologie per evitare il sapore amaro in eccesso. Le origini della quinoa sono antiche, risalgono ai tempi degli Inca che la consideravano un alimento così prezioso da averlo denominato “Madre di tutti i semi”. Oggi è ritornata attuale per le innumerevoli proprietà benefiche che la contraddistinguono e per la sua versatilità in cucina.

Le proprietà nutritive della quinoa

Come si può approfondire qui, la ragione del successo della quinoa e della sua diffusione al di là delle esigenze dettate dalla celiachia, sta nelle sue efficaci e svariate proprietà benefiche; qualità che hanno fatto sì che in Italia  la domanda di quinoa crescesse del 71% soltanto tra il 2005 e il 2009. Essa è, tra gli alimenti presenti sul mercato, una delle fonti principali di magnesio e folati.

Contiene, inoltre, tutti i 9 aminoacidi essenziali per la salute del nostro organismo, ovvero lisina, fenilalanina, istidina, leucina, isoleucina, triptofaano e metionina) e garantisce più proteine del grano, del riso e del miglio in buona proporzione con i carboidrati. In essa, troviamo pure la riboflavina, appartenente alla categoria della vitamina B2, ottimo alleato dei processi metabolici delle cellule cerebrali e muscolari.

Questo rende la quinoa utile nel contrastare gli attacchi di emicrania e i dolori muscolari. Importante anche per il benessere dell’apparato circolatorio, la pianta protegge l’apparato circolatorio perché compie un’azione consistente contro i radicali liberi.

Oltre alla vitamina B2, al suo interno coesistono pure le vitamine del gruppo C ed E, anch’esse benefiche per la circolazione. Chi è attento alla linea può consumare la quinoa senza preoccupazioni: il suo apporto calorico è di 368 calorie ogni 100 grammi, quantità nella quale sono contenuti ben 47 milligrammi di calcio, 197 milligrammi di magnesio, 4,6 milligrammi di ferro e 11, 49 grammi di proteine. Altra funzione

La quinoa è d’aiuto nella regolazione dell’indice glicemico, il quale misura la velocità con la quale il cibo è capace di far aumentare gli zuccheri nel sangue. Il suo basso indice glicemico, pari a circa 53, non stimola l’appetito e la rende un prodotto adatto all’alimentazione di chi è affetto da obesità o da malattie croniche come il diabete e le malattie che coinvolgono il cuore.

Dove trovare la quinoa

La quinoa, pur non essendo un cereale, viene generalmente venduta nei reparti dedicati a quest’ultima categoria di strutture come supermercati, erboristerie, negozi biologici e di alimentazione naturale. Reperibile anche online, è generalmente confezionata in sacchetti trasparenti da 250 o 500 grammi e può essere acquistata anche sfusa se si vuole compiere un gesto positivo anche per la tutela dell’ambiente.

Fonti/Bibliografia

https://www.inran.it/quinoa/2477

Potrebbero Interessarti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *