Incendio Sacra San Michele: bruciati registri e diario

Incendio Sacra San Michele: danni non ancora quantificabili ma secondo prime ricostruzioni sono stati bruciati i registri e il diario della Sacra

Incendio Sacra San MicheleQuesta mattina la Sacra di San Michele, noto convento che si trova nella Val di Susa e che solo nel 2016 ha potuto vantare ben 100 mila visitatori – per la sua storia e per la sua testimonianza non solo storica e religiosa, ma anche architettonica ed estetica – si è svegliata con i segni della paura addosso. La paura di un incendio, che nella notte scorsa ha lambito il sottotetto del noto convento, portando purtroppo alla distruzione alcune testimonianze storiche ovvero quei locali adibiti ad uffici all’interno dei quali erano stati conservati  i registri economici ed il diario stesso della Sacra.

Molte di queste testimonianze, quindi, sono state letteralmente spazzate via dalle lingue di fuoco, in un incendio che ha terrorizzato chi vive ancora in quel convento e che per fortuna è rimasto illeso dal fuoco, che invece ha bruciato molte cose. Secondo le prime indagini e ricostruzioni dei vigili del fuoco, che sono prontamente intervenuti in quella zona, pare che la scintilla sia stata determinata da un cortocircuito.

I danni non sono ancora quantificabili, ma a quanto pare potrebbero comunque essere considerati di una certa rilevanza.

Potrebbero Interessarti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *